Iscriviti alla newsletter
Seguici su Twitter
Privacy and cookies
Fondato nel 2014
Lunedì 23 Ottobre 2017

Ultima’ora

Per salvaguardare le pensioni dei giovani si pensa ad una modifica dell’art. 38 Cost

di la redazione
21/07/2017

Nel dibattito in corso sul come conferire una maggiore tutela previdenziale ai giovani e alle donne vanno guardate con molto interesse due proposte di legge costituzionali C. 3478 (Mazziotti di Celso ed altri) e C. 3858 (Preziosi ed altri) che intervengono sull'articolo 38 della Costituzione e in relazione alle quali sono in corso le relative Audizioni parlamentari in commissione Affari Costituzionali.

Alla luce delle dinamiche demografiche e del mercato del lavoro, nonostante contributi previdenziali da primato nei Paesi dell’OCSE , viene sottolineato, il nostro sistema pensionistico non è in grado di reggere il peso di tre fattori concomitanti rappresentati dalla bassa età effettiva di uscita dal mercato del lavoro (la quarta più bassa dei Paesi dell’OCSE), il bassissimo tasso di occupazione per i lavoratori tra 60 e 64 anni (il 26 per cento, contro una media dei Paesi dell’OCSE del 45 per cento) e il fatto che ancora oggi molti pensionati ricevono pensioni generose nonostante un basso livello di contributi versati. Il ragionamento su cui si fondano le due proposte è che non è sufficiente più un «patto generazionale» o un «patto di genere» ma serve il riconoscimento formale in Costituzione del diritto delle future generazioni e di uomini e donne a una pensione equa. Cosa si prevede nello specifico?

L'articolo 38 Cost. sancisce il diritto di ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere al mantenimento e all'assistenza sociale (primo comma). Lo stesso articolo, allo stesso tempo, riconosce ai lavoratori il diritto a specifiche misure di tutela previdenziali e di sicurezza sociale (in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria), nonché all'educazione e all'avviamento professionale (secondo e terzo comma). Spetta agli organi ed istituti all'uopo predisposti o integrati dallo Stato garantire le funzioni ed i compiti richiamati (quarto comma).

Infine, si sancisce la libertà dell'assistenza privata (quinto comma). La proposta C. 3478, sostituendo interamente il quarto comma dell'articolo 38 Cost., stabilisce che gli obblighi, per gli organi e gli istituti predisposti (o integrati dallo Stato), derivanti dai compiti di tutela individuati dall'articolo stesso, debbano essere adempiuti secondo principi di equità, ragionevolezza e non discriminazione tra le generazioni. La proposta C. 3858 inserisce un nuovo comma (dopo il secondo comma) all'articolo 38 Cost., ai sensi del quale si dispone che il sistema previdenziale debba essere improntato ad assicurare l'adeguatezza dei trattamenti, la solidarietà e l'equità tra le generazioni nonché la sostenibilità finanziaria.


Articoli correlati

I più letti...
Finanza e mercati
FTSE 100
7524.45
+1.22
Nikkei 225
21696.65
+239.01
S&P 500
2570.20
-5.01
Crude Oil
N/A
N/A

Previnet Europa Italia